Logo del sito Ossincucina

Oss in cucina

La foto raffigurante il nostro delizioso e bellissimo Risotto alle rose e champagne

Risotto alle rose e champagne ( passionale e in 25 minuti )

Un po’ di storia

L’idea di fare il risotto alle rose e champagne è da un pezzo che mi frulla in testa visto la bottiglia che conservo in cantina.

Come detto in un post precedente, nonostante il vino sia di qualità, e costoso, a me non piace.

Io adoro le bollicine dolci, le altre, nonostante tutta la mia buona volontà, proprio non fanno per me.

Ma mi mancavano le rose. Che fare? ecco che penso ad Enrica e alla possibile soluzione, così le chiedo se ha delle rose da portarmi.

Enrica mi porta le rose e i mie colleghi incuriositi mi chiedono lumi in merito.

Tutti pensano che io le metta in casa per bellezza, ma quando li informo sul risotto rimangono basiti.

Così parlando con Napoleone ( cuoco provetto che ogni tanto mi ruba qualche idea ) mi chiede la ricetta. Arriva Felicia la quale sostiene che io sono buona anche quando non dormo, e mi chiede la ricetta.

Per il turno di notte c’ è Sara ( buona forchetta che conosce la marmellata di rose ma non il risotto ) e la vuole pure lei.

Tranquillizzandoli sulla breve pubblicazione della ricetta, esco dal reparto tutta soddisfatta con il mio bel bottino di rose profumate avvolte nella carta stagnola.

Ora sto iniziando la preparazione di questo romantico risotto che dedico giustamente ad Enrica e alla sua amicizia.

Tutto sulla ricetta del risotto alle rose

Il risotto ai petali di rosa è una preparazione raffinata che utilizza petali di rosa, cipolla, champagne, panna e formaggio grattugiato.

Primo piatto semplice e veloce da realizzare, è piuttosto cremoso, delicato ed ha un profumo inebriante.

Ottima idea da presentare per la festa della mamma o per una cena romantica a lume di candela.

Paola hai altre ricette di risotti da consigliarmi?

Certamente! Guarda sul sito le 12 migliori proposte di risotto. Chissà che ci sia quello che fa al caso tuo.

Prova la ricetta e fammi sapere se ti è piaciuta! Ti leggo nei commenti.

Ricetta risotto alle rose e champagne

Se adori come me i risotti e devi festeggiare una ricorrenza speciale, il risotto alle rose e champagne è quello che fa al caso tuo.
Preparazione5 min
Cottura20 min
Tempo totale20 min
Portata: Primo piatto
Cucina: Italiana
Keyword: Fiori commestibili, panna, riso, Rose
Porzioni: 2 persone
Chef: Paola Assandri
Cost: € 2,50

Equipment

  • 1 pentola
  • 1 coltello
  • 1 tagliere
  • 1 forbice
  • 1 zuppiera
  • 1 cucchiaio
  • 1 padella antiaderente grossa
  • 1 cucchiaio di legno
  • 1 bicchiere
  • 1 bilancina
  • 1 mestolo

Ingredienti

  • 1 cipolla rossa di tropea Calabria PICCOLA
  • 30 grammi petali di rose ROSSE E ROSA
  • 1 bicchiere champagne
  • 1 cucchaio Olio extra vergine di oliva
  • 180 grammi riso
  • 1,5 litri brodo vegetale
  • 40 grammi Grana Padano DOP
  • 5 cucchai panna da cucina
  • q.b. sale rosso OPZIONALE

Istruzioni

  • Mentre prepari il brodo vegetale, pulisci la cipolla dalla parte di scarto e affettala finemente.
    La foto raffigurante la cipolla affettata per la preparazione del Risotto alle rose e champagne
  • Raccogli le rose rosse, quelle rosa, elimina il gambo e sfoglia tutte le rose.
    La foto raffigurante le rose raccolte e pulite per la preparazione del sale alle rose
  • Lava i petali sotto l'acqua corrente al fine di eliminare ogni impurità e poi passali in una zuppiera dove vai ad aggiungere lo champagne.
    La foto raffigurante le rose sfogliate e messe nello champagne per la preparazione del Risotto alle rose e champagne
  • Mescola i petali ogni tanto e lasciali così per una mezz'oretta circa.
    Risotto alle rose e champagne ( passionale e in 25 minuti )
  • In una padella antiaderente versa l'olio, la cipolla di tropea e falla appassire.
    La foto raffigurante la cipolla affettata per la preparazione del Risotto alle rose e champagne
  • Quando la cipolla è pronta versa il riso e fallo tostare.
    La foto raffigurante la cipolla soffritta dove si va ad aggiungere il riso per farlo tostare
  • A tostatura avvenuta aggiungi i petali ( tiene da parte alcuni ), lo champagne e fai del tutto evaporare la parte alcolica.
    La foto raffigurante l'aggiunta dei petali di rosa e lo champagne per la preparazione del Risotto alle rose e champagne
  • A sfumatura completa, comincia la cottura del riso aggiungendo nella padella 3 mestoli di riso ben caldo.
    La foto raffigurante i primi mestoli di brodo aggiunti per la preparazione del Risotto alle rose e champagne
  • Man mano che il riso si asciuga aggiungi un altro mestolo per volta e sempre bello caldo.
    La foto raffigurante un altro mestolo di brodo aggiunto ai precedenti per la preparazione del Risotto alle rose e champagne
  • Continua ad aggiungere brodo man mano che si asciuga e qualche minuto prima di spegnere aggingi i petali tagliati con la forbice.
    La foto raffigurante i petali di rosa tenuti da parte e aggiunti per la preparazione del Risotto alle rose e champagne
  • Spegni il riso, aggiungi la panna, il formaggio grattugiato e mescola con cura.
    La foto raffigurante il formaggio grattugiato e la panna aggiunti alla preparazione del Risotto alle rose e champagne
  • Guarnisci con sale rosso macinato sul momento, boccioli di rosa e qualche petalo rosso o rosa.
    La foto raffigurante il risotto alle rose e champagne pronto per essere mangiato
  • E come dice William Shakespeare "Tra tutti i fiori, penso che la rosa sia il migliore". Buon appetito!

Il risultato finale del nostro risotto alle rose e champagne

La foto raffigurante il nostro buonissimo e profumato risotto alle rose e champagne !

Ti piace la ricetta del risotto alle rose e champagne che ho preparato?

Mi raccomando se la foto e relativa ricetta ti sono piaciute condividile sui tuoi social preferiti usando i bottoncini di condivisione.

Consigli per la presentazione

Se stai cucinando per i tuoi ospiti o famigliari il risotto alle rose e champagne, assicurati che il cibo sia buono e che abbia una presentazione gradevole.

I tuoi ospiti mangiano prima di tutto con gli occhi e si sentiranno coccolati.

A cottura ultimata, metti il risotto con le rose e champagne in un piatto piano se non possiedi un piatto fondo per risotto. Posiziona al centro qualche bocciolo di rosa e ai bordi qualche petalo.

Conservazione

Al fine di gustare al meglio questa prima portata ti consiglio di consumarla appena preparata.

Tuttavia, se ti dovesse avanzare del risotto alla rosa e champagne conservalo in frigorifero per un giorno.

Tieni da parte qualche cucchiaiata di brodo per quando devi riscaldarlo.

I consigli utili di Paola

  • Quando prepari il risotto allo champagne con le rose, ricava petali da fiori di rosa belli freschi e cerca di eliminare la parte bianca visto che è un po’ amara.
  • Per la preparazione del risotto champagne e rose servono fiori di rosa non trattati, cioè, la pianta non deve essere stata a contatto con pesticidi o fonti inquinanti.
  • Non hai una bottiglia di champagne in cantina? niente paura utilizza vino bianco secco o rosè.
  • Se vuoi una cottura ottimale del risotto con le rose armati di tanta pazienza. Aggiungi subito 2/3 mestoli di brodo appena dopo averlo tostato. In seguito, non appena vedi che si asciuga aggiungi un solo mestolo alla volta e continua così.
  • Nella preparazione del tuo risotto con rose e champagne mantieni sempre il brodo ben caldo, in questo modo non ne interrompi la cottura.
La foto raffigurante il nostro delizioso Risotto alle rose e champagne  pronto per essere gustato.

Quali sono le tue impressioni?

Mi auguro che la ricetta del risotto alle rose e champagne sia di tuo gradimento e mi aspetto un tuo parere nello spazio dei commenti.

Così come aspetto la tua versione del risotto alle rose e champagne, perché per me la tua opinione è davvero molto importante.

Dimmi, quali ingredienti hai abbinato? Scrivi qui sotto la tua ricetta e aiutami a migliorare.

Grazie alla prossima. Paola!

Paola Assandri

Paola Assandri

Ciao io sono Paola e ti do il benvenuto all'interno del mio blog. Qui non si cucina, ma si ama... perché d'altronde questa è la cucina, no?

Perché Oss in cucina? perché secondo me la cucina si collega molto al lavoro che faccio, che è appunto l’OSS, un lavoro duro dell’ambito sanitario, dove si necessita di grande pazienza… ma è proprio dietro questa fatica che si nasconde l’amore, il divertimento ed il piacere della condivisione

Ti è stata utile questa ricetta?

Clicca sulle stelline per votare

Valutazione media / 5. Conteggio dei voti:

Non ha votato ancora nessuno, sii il primo a votare!

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbe interessarti anche...